Sì, lo voglio!

Da quando siamo piccoli, imparare le buone maniere è, anche, saper dire "vorrei" e non "voglio".

Il condizionale entra in maniere prepotente come il tempo della possibilità e della gentilezza, tutto ragionevole ma sminuente rispetto all'impeto della volontà di qualunque cucciolo d'uomo. Oggi ho trascorso buona parte della lezione a spiegare ai bambini che è giusto usare il "vorrei" quando è in dubbio il risultato, ma quando si parla di abilità ci vuole il "voglio" perché le abilità quando vengono usate per un fine che è stato approvato da genitori ed educatori è certo. Il risultato è certo. Lo ripeto, con le abilità si usa il volere e la volontà, perché i fini etici hanno bisogno di tutta la nostra spinta, non di meno, tutta la nostra volontà. Quindi, al prossimo fine che puntiamo la risposta è: SI, LO VOGLIO!

 

Scrivi commento

Commenti: 0